Area Riservata

Ultimi Documenti

2015/06/20 1° Incontro dei delegati regionali (Documenti in preparazione al Convegno Ecclesiale Nazionale)
Atti del Convegno (Documenti post Convegno)
 

Seguici su

FacebookTwitterYoutubeFeed
Nessun evento trovato

Download

Al Polo teologico di Ancona della Università Lateranense inaugurazione del nuovo anno accademico

IL CONCILIO VATICANO II TRA STORIA E ATTUALITA’

A cinquant’anni dall’indizione del Concilio ecumenico Vaticano II, la prolusione dell’anno accademico del Polo teologico marchigiano della Pontificia Università Lateranense non poteva non avere come tema il grande evento ecclesiale. E così l’Istituto teologico marchigiano, presieduto da don Mario Florio e moderato dall’arcivescovo Luigi Conti, e l’Istituto superiore di scienze religiose “Lumen gentium” diretto da Giancarlo Galeazzi e moderato dall’arcivescovo Edoardo Menichelli, hanno deciso di inaugurare l’anno accademico 2012-2013 con una relazione su “Il Concilio Vaticano II tra storia e attualità (la Chiesa vive e comunica la fede)”, e di affidarla a uno storico e sociologo di vaglia qual è il prof. Giorgio Campanini, che è stato docente nelle Università di Parma, di Lugano e del Laterano. 

Leggi tutto: Comunicato stampa dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’ITM di Ancona, legato al convegno...

docScarica articolo

Oltre 6 mila oratori in Italia, non uno uguale all’altro, espressioni della genialità dei territori

Perché gli oratori sono una specificità solo italiana? E’ la domanda che si è posto il responsabile del Forum degli oratori italiani don Marco Mori aprendo i lavori del convegno conclusivo (Voglia di Oratorio) di due giorni di approfondimento svoltosi presso il Seminario di Fermo incentrati su progetti, azioni e connessioni tra oratori, associazioni, movimenti e pastorali. E’ il fattore comunità – è la risposta di Mori – che caratterizza nel profondo l’azione degli oratori, allo stesso tempo specchio delle parrocchie e delle comunità; non uno uguale all’altro, espressioni della genialità dei territori: a Scampia tirano fuori i ragazzi dalla camorra, a Milano 8 mila e 500 bambini frequentano il dopo scuola promosso dagli oratori. Le decisioni sul “che cosa fare” sono assunte in un fecondo rapporto tra Chiesa e società, superando l’individualità. L’oratorio pone al centro un processo educativo sulla realtà, aperto a tutti, a fronte della crescente e invadente virtualità. Tali ambienti sono cresciuti tanto nella dimensione pubblica: poche le regioni che non hanno una legge sugli oratori e in futuro, forse, si esprimerà anche il Parlamento. Questo rapporto proficuo Chiesa-Istituzioni è un bene di tutti, espressione comune di tutte le parti, fattore di reale convergenza, esercizio di vera laicità in una dimensione popolare.

Leggi tutto: ORATORIO SPECCHIO DELLA COMUNITA’

La Conferenza Episcopale Marchigiana, riunita a Loreto, nei giorni 9 e 10 ottobre, ha espresso sentimenti di profonda gratitudine al Santo Padre Benedetto XVI per la visita a Loreto dello scorso 4 ottobre con cui ha voluto fare memoria del viaggio fatto cinquant’anni fa dal Beato Giovanni XXIII per invocare lo sguardo materno della Vergine di Loreto sul Concilio Ecumenico Vaticano II. Con questo pellegrinaggio il Santo Padre ha inteso, inoltre, affidare alla Madre di Dio due importanti iniziative ecclesiali: l’Anno della fede e il Sinodo dei Vescovi che si svolge in questo mese in Vaticano sul tema “La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana”. Tutte le Diocesi delle Marche si sono unite alla preghiera del Santo Padre per il buon esito di questi eventi che costituiscono straordinari doni di grazia e occasioni preziose per un rinnovato slancio nella trasmissione della fede.

Quale attuazione dell’Anno della fede e nell’ottica della nuova evangelizzazione i Vescovi marchigiani, nel corso dei lavori, hanno fatto il punto sulla preparazione del 2° Convegno Ecclesiale Marchigiano sul Tema “Alzati e va… Vivere e trasmettere oggi la fede nelle Marche” che si celebrerà dal 22 al 24 novembre del 2013. Hanno preso atto della buona accoglienza che ha registrato il Sussidio Pastorale predisposto dal Comitato Preparatorio per un cammino comune e condiviso delle comunità ecclesiali della Regione. In tutte le case dei marchigiani, in occasione della benedizione delle famiglie, sarà portato un dépliant che presenta il Convegno e invita a pregare per esso.

Particolare attenzione è stata riservata al tema della famiglia anche alla luce di quanto affermato dal Santo Padre nell’omelia di domenica scorsa quando ricordava che “il matrimonio costituisce in se stesso un Vangelo, una Buona Notizia per il mondo di oggi, in particolare per il mondo scristianizzato”. I vescovi hanno espresso la loro preoccupazione per le difficoltà in cui si trovano oggi molte famiglie marchigiane, anche a causa della crisi economica. Mentre riguardo ad alcune iniziative, che si registrano anche nel nostro territorio, finalizzate al riconoscimento delle unioni di fatto, i Vescovi hanno manifestato forti perplessità e fanno proprie le parole pronunciate su questo argomento dal Card. Bagnasco nella prolusione al Consiglio Permanente della CEI, lo scorso 24 settembre: “La gente non perdonerà la poca considerazione verso la famiglia così come la conosciamo. Specialmente in tempo di crisi seria e profonda, si finisce per parlare d’altro, per esempio si discute di unioni civili che sono sostanzialmente un’imposizione simbolica, tanto poco in genere vi si è fatto ricorso là dove il registro è stato approvato. Si ha l’impressione, infatti, che non si tratti di dare risposta a problemi reali - ai quali da sempre si può rispondere attraverso il codice civile esistente - ma che si voglia affermare ad ogni costo un principio ideologico, creando dei nuovi istituti giuridici che vanno automaticamente ad indebolire la famiglia”.

I Vescovi, inoltre, hanno ricordato il buon esito del Convegno Regionale dei Diaconi Permanenti e hanno affrontato alcune questioni relative al Tribunale Ecclesiastico Regionale Piceno e alla nomina di docenti presso l’Istituto Teologico Marchigiano.

 

S. E. Mons. Claudio Giuliodori

Vescovo delegato per le comunicazioni sociali

Loreto, 10 ottobre 2012

docScarica comunicato