Area Riservata

Ultimi Documenti

2015/06/20 1° Incontro dei delegati regionali (Documenti in preparazione al Convegno Ecclesiale Nazionale)
Atti del Convegno (Documenti post Convegno)
 

Seguici su

FacebookTwitterYoutubeFeed
Nessun evento trovato

Download


Scarica materiali

Dal 6 all'8 luglio si svolge, nel Monastero camaldolese di Fonte Avellana, la IV edizione delle Giornate di spiritualità., organizzate dal MEIC delle Marche e dal Gruppo di Ancona.

Da quattro anni abbiamo scelto questo luogo  bello, suggestivo, accogliente, dove la bellezza ambientale si armonizza magnificamente con  la struttura architettonica dell'eremo millenario e dove la testimonianza religiosa dei monaci camaldolesi continua ad offrirci  accoglienza, ascolto, esperienza, silenzio, preghiera. 

Quest'anno i cinquant'anni dall'inizio del Concilio sono l'occasione del nostro incontro. Abbiamo scelto  il tema "A partire dal Concilio: la fede in dialogo con l'uomo contemporaneo". 

I cinquant'anni dall' inizio del Concilio (11 ottobre 1962) non possono essere una rievocazione, un ricordo, ma un impegno per noi, cristiani, a conoscerlo, ad approfondirlo, a celebrarlo. La ricorrenza si accompagna  con l'indizione dell'Anno della fede  (11 ottobre 2012 - 24 novembre 2013) e , per la Chiesa  marchigiana, con la convocazione del secondo Convegno ecclesiale regionale (22-24 novembre 2013).

Questi tre eventi sono la consapevolezza della grave preoccupazione dello stato della fede, dell'annuncio del Vangelo, della sua capacità di parlare e  illuminare gli uomini del nostro tempo. Il versetto degli Atti (8,26-40) "alzati e va" presa come emblema del congresso regionale è un chiaro monito ": Chiesa delle Marche, va e annuncia ciò che vivi e credi”.

Papa Giovanni vede l'evento come la nuova Pentecoste. Il Concilio ha voluto rivelare un Dio amico degli uomini (DV 2) e una Chiesa  disponibile al dialogo con l'uomo e a farsi carico delle gioie e delle speranze, delle tristezze e delle angosce degli uomini d'oggi, dei poveri  e di tutti coloro che soffrono. Per i discepoli di Cristo nulla vi è di genuinamente umano che non   trovi eco nel loro cuore (GS 1).

Le nostre giornate sono l'occasione per tentare di rileggere, approfondire e accogliere la lezione conciliare. Come è ormai nella tradizione, seguono un percorso di preghiera (lectio) di approfondimento (biblico e teologico) e di ricerca (la fede  nella contemporaneità sulle orme del Concilio).

Ci aiutano, in questo itinerario, il priore fra Luca Fallica, il biblista mons. Romano Penna, il teologo  don Mario Florio, il priore del monastero, don Gianni Giacomelli,  il poliedrico don Vinicio Albanesi, il  filosofo Giancarlo Galeazzi, la storica Bruna Bocchini Camaiani, il sociologo Massimiliano Colombi .Carlo Cirotto, presidente nazionale del MEIC, partecipa alle giornate

S.E. Giovanni Francesco Brugnaro, Arcivescovo di Camerino-San Severino e delegato per la commissione del laicato nella Conferenza Episcopale Marchigiana, presenzia ai lavori nella giornata di sabato 7 e presiede l' Eucarestia

Gastone Mosci cura le sere del venerdì e del sabato, gli incontri  con la poesia di Fabio Maria Serpilli  e Iaia Lorenzoni.